Scannez pour télécharger
l’application Electra
Actualités
28 juin 2021
Electra ha raccolto 15 milioni di euro per rivoluzionare la ricarica delle auto elettriche

Electra è una nuova impresa francese che ha reinventato la ricarica delle auto elettriche, impiantando una rete di stazioni di ricarica ultra veloci, offrendo un’esperienza utente semplicissima. Per porre fine al calvario della ricarica, Electra annuncia una raccolta fondi di 15 milioni di euro ai suoi investitori: si tratta della raccolta fondi di SEED più ambiziosa dell’anno in Francia. L'obiettivo è di accelerare la transizione verso la mobilità elettrica, affrontando e risolvendo il problema della ricarica, che rappresenta l’ostacolo maggiore al successo dell’operazione, grazie all’installazione di una rete di ben 1.000 stazioni di ricarica ultra veloci entro il 2030.

Parigi, 28 giugno 2021 — Grazie a una raccolta fondi di 15 milioni di euro, Electra si prefissa l'obiettivo di risolvere il problema centrale che frena lo sviluppo del mercato dell’auto elettrica: la scarsa disponibilità di punti di ricarica veloci in città. Questa raccolta fondi, la più importante effettuata da SEED nel 2021, è stata realizzata grazie a Serena, Eurazeo e Frst Venture, ed è sostenuta anche da diversi Business Angels provenienti dal settore dell’energia, della mobilità e del settore immobiliare, come Grégory Frapet, CEO di Primonial REIM, Thibault Chassagne e Karim Kaddoura, fondatori e dirigenti di Virtuo, Bertrand Altmayer, DG di Cityscoot, e Demba Diallo, esperto del settore dell’energia.  Electra è un’azienda con sede a Parigi, fondata da tre imprenditori appassionati, con esperienza nel campo della Tech e delle Infrastrutture, affiancati da 15 dipendenti, il cui obiettivo è innanzitutto l’installazione di un primo lotto di 50 stazioni di ricarica ultra veloce entro un anno. Le prime installazioni dovrebbero essere completate entro l'ultimo trimestre del 2021 e l'obiettivo a lungo termine è di installare 1.000 stazioni entro il 2030. Questa prima raccolta fondi permetterà alla giovane società di conseguire gli obiettivi di installazione nella regione Ile-de France e nelle agglomerazioni di Lione e Lille, nonché di investire nella ricerca e lo sviluppo, al fine di ripensare completamente l’esperienza della ricarica, di sostenere la crescita dell’attività e di moltiplicare per tre il personale entro la fine dell’anno.

La mobilità elettrica aumenta ma le soluzioni di ricarica non si evolvono

Secondo uno studio effettuato dall’osservatorio della qualità dei servizi di ricarica elettrica accessibili al pubblico (l’AFIREV) effettuato nel 2020, la rete francese è in uno stato pietoso. Eppure, le cifre del mercato dell’auto elettrica sono in fase di crescita esponenziale (1).

La crisi sanitaria ha accelerato la sensibilizzazione del pubblico nei confronti delle questioni di sostenibilità, afferma Aurélien de Meaux, CEO e cofondatore di Electra: “Il primo lockdown del 2020 ci ha permesso di apprezzare la diminuzione del rumore e dell’inquinamento delle nostre città, ma, purtroppo, si è trattato di una fase effimera e transitoria ... Ci piace pensare che tra vent’anni, grazie alla mobilità elettrica, le nostre città potranno respirare nuovamente, permettendoci di ritrovare una qualità di vita migliore e più tranquilla. La transizione al tutto elettrico, dalle biciclette alle auto, è solo una questione di tempo. Anche la barriera del budget è destinata a sparire, in quanto è previsto che i prezzi delle auto elettriche diminuiscano del 50% entro 5 o 6 anni (2). La mobilità pulita non sarà più un lusso.

Abbiamo fondato Electra proprio per agevolare questa rivoluzione: l’obiettivo era di risolvere un problema maggiore, fonte di ansia per moltissimi nuovi utenti: la ricarica dei veicoli elettrici. Attualmente, la scarsa disponibilità di colonnine sul territorio nazionale, i difetti di funzionamento di cui patiscono (3) e la potenza troppo debole, rendono il 68% degli elettromobilisti insoddisfatto della rete di punti di ricarica aperti al pubblico (4).

Siamo convinti che lo sviluppo sostenibile delle auto elettriche potrà funzionare solo a patto di creare un’infrastruttura di ricarica di qualità, aperta al pubblico. Electra ha deciso di sviluppare l’implementazione di una soluzione ultra efficace nelle zone urbane, al fine di soddisfare le necessità degli utenti. L’esperienza dev’essere semplice, intuitiva e, soprattutto, adatta allo sviluppo del mercato e compatibile con i veicoli che accettano velocità di ricarica sempre più elevate. Ricaricare un’auto elettrica nel 2030 richiederà quasi lo stesso tempo di un pieno di benzina ai giorni nostri.

Un servizio di prossimità adatto alle sfide delle città di domani

Electra ritiene che le città abbiano il dovere di investire fin da subito nella mobilità elettrica, e che, pertanto, dovrebbero accogliere molte più colonnine di ricarica potenti, al fine di soddisfare le esigenze di coloro che hanno effettuato la transizione.  Alcuni comuni sono già dei pionieri della questione, come, ad esempio, il comune di Saint-Ouen e il suo sindaco, Karim Bouamrane.

Le stazioni di ricarica ultra veloce, finanziate al 100% da Electra, si stanno impiantando nelle città e nelle agglomerazioni. I siti che accolgono le nostre installazioni sono soprattutto i centri commerciali e i supermercati, gli hotel o gli operatori parcheggi, e il nostro obiettivo è di contrattualizzare l’installazione di almeno 50 siti quest’estate. Questi attori sono incentivati dalla legge LOM (Legge sull'orientamento alla mobilità), dall’affitto che riscuotono o dalla loro politica RSI. Un ulteriore incentivo è la possibilità di accogliere un differenziale attivo e generatore di flussi finanziari, grazie alle attività legate al tempo di ricarica, durante il quale gli elettromobilisti possono usufruire dei servizi disponibili. Questo modello, che non implica nessun investimento da parte dei proprietari che accolgono colonnine Electra, ha già convinto numerosi enti.

Il principio di Electra consiste nel ragionare in termini di veicoli elettrici ricaricati, e dunque in termini di potenza erogata, piuttosto che in termini di numero di colonnine. L’obiettivo che i tre imprenditori cofondatori di Electra si sono prefissati è quello di agevolare e stimolare lo sviluppo della mobilità elettrica, risolvendo il problema della ricarica veloce e creando un servizio di prossimità.La nostra rete di stazioni permetterà agli utenti di avere sempre a disposizione una stazione di ricarica a meno di 10 minuti di distanza, garantendo loro la possibilità di ricaricare l’auto rapidamente, ovunque si trovino, grazie alla prenotazione on-demand accessibile sulla nostra applicazione ” fa notare Aurélien de Meaux.

Xavier Lorphelin, Managing Partner di Serena, fa notare inoltre che: “La decarbonizzazione del mercato dell’auto è una delle sfide maggiori del 21o secolo. Nel 2020, il mercato francese dei veicoli elettrici ha registrato una crescita del +180%, mentre il mercato dell’auto senza distinzioni di fonti energetiche ha subito un recesso del -25%. Questo tasso di crescita è inedito, di per sé, ma è ancora frenato dalla mancanza di infrastrutture. L'obiettivo di Electra è proprio quello di eliminare gli ostacoli che impediscono la concretizzazione della transizione energetica, tramite la creazione di una rete della massima efficacia, installando stazioni di ricarica ultra veloce in tutta la Francia. Ormai è dal 2014 che lavoriamo con Aurélien, il fondatore di Electra, dopo aver investito nella sua società precedente, e siamo convinti che lui e il suo team abbiano le capacità di trasformare questa impresa in un leader europeo.”

Contatti stampa

Euros / Agency

electra@eurosagency.eu

Julie Dalsace 06 78 70 96 05

Marie-Charlotte Fauquette 06 30 06 95 60

Serena

Rémi Fresnel remi.fresnel@archetype.co 06 61 62 17 38

Electra: chi siamo?

Electra ha reinventato la ricarica delle auto elettriche, impiantando una rete di stazioni di ricarica ultra veloce, e offrendo un’esperienza utente semplicissima e accessibile.

Il processo di transizione alle auto elettriche sta accelerando sempre di più, e, tuttavia, la maggior parte degli utenti (il 68%) si dichiarano insoddisfatti della rete di colonnine di ricarica accessibili al pubblico.

Electra sta creando una rete di stazioni di ricarica connesse, affidabili e ultra veloci (15 - 30 minuti massimo per fare il pieno) in tutte le grandi città francesi, al fine di rendere la ricarica elettrica semplice come fare il pieno di benzina, e al fine di garantire agli elettromobilisti un risparmio di tempo notevole e un servizio pratico ed efficace.

Il fatto di proporre un’esperienza di ricarica semplice e digitalizzata permette di agevolare e accelerare la transizione verso l’elettrico. Proprio per questo, Electra ha previsto di installare 1.000 stazioni di ricarica entro il 2030.

Electra è stata fondata da tre imprenditori accorti e appassionati di mobilità elettrica: Aurélien de Meaux - CEO, Augustin Derville - CDO e Julien Belliato - COO, affiancati ormai da 15 fedeli collaboratori, che lavorano insieme a loro nella sede principale di Parigi. 

Serena: chi siamo?

Serena finanza e accompagna startup eccezionali in forte crescita, fornendo loro capitali e una perizia operativa, a Parigi e a New York.

Le società del portafoglio di Serena si possono appoggiare sul suo modello di Operating Partners, per beneficiare del sostegno della più grande comunità europea di C-levels, grazie alla piattaforma Serena Squad, accessibile esclusivamente alle società passate e presenti.

Serena è una società destinata ad accompagnare gli imprenditori e fondata nel 2008 da imprenditori, spinti dalla convinzione profonda che un capitale di rischio debba essere un dispositivo al servizio delle imprese che fanno parte del suo portafoglio.

(1) La quota di mercato dei veicoli elettrici nel 2018 era del 2% in Francia, mentre nel primo trimestre del 2021 era del 14%- AVERE.

(2) Secondo un rapporto commissionato dall’NGO Transport et environnement per la società Bloomberg New Energy Finance.

(3) La stima del numero di colonnine non funzionanti è compreso tra un terzo e il 50% delle colonnine disponibili.

(4) Secondo AVERE, dicembre 2020.